24/05/2018 11:26

Incidente Acciaierie
spunta un video

Nel capannone ancora sotto sequestro dov’è avvenuto, domenica scorsa, l’incidente che ha visto rimanere feriti 4 operai di cui 2 in modo grave che sono ancora ricoverati, pare sia spuntato un filmato. E ci sarebbe grazie alle telecamere della videosorveglianza installate proprio dall’azienda Acciaierie Venete. Se così fosse il filmato aiuterebbe gli inquirenti, che proprio nel primo pomeriggio di ieri hanno effettuato il primo sopralluogo, a capire quanto è successo veramente e quindi a ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

Continuano nel frattempo anche le indagini dei carabinieri e dello Spisal e mercoledì prossimo verrà effettuato un nuovo sopralluogo, irripetibile, perché ieri mancava il tecnico della ditta Danieli, l’azienda costruttrice del perno che, nel trattenere la siviera contenente l’acciai fuso, si è rotto creando un vero e proprio inferno di fuoco.

Il colloqui tra il procuratore aggiunto Valeria Sanzari e i legali dei 7 indagati ieri è durato per oltre un’ora negli uffici della Procura e subito dopo sono iniziate le perizie nello stabilimento da parte della professoressa Giovina Marina La Vecchia di Ingegneria Meccanica e Industriale dell'Università di Brescia, e del professore Giovanni Meneghetti del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell'Università di Padova.

VIDEO DELLA FIOM

Su facebook la Fiom di Padova ha pubblicato un video girato da un operaio che stava scappando dopo aver sentito il botto e aver visto le fiamme. Per vedere le immagini clicca QUI.

Guarda anche:

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA