10/06/2018 06:28

Restauro Porta Portello
e sala a Lidia Kobal

Portello in festa, sabato mattina per l’inaugurazione del restauro di Porta Portello, ad opera dell’Assessorato ai lavori Pubblici, e per l’intitolazione della sala superiore alla memoria di Lidia Kobal, ex consigliera comunale e socia del Comitato Mura mancata prematuramente lo scorso anno.

A rappresentare ufficialmente il Comune, l'assessore ai Lavori Pubblici Andrea Micalizzi alla presenza dell’assessore al decentramento Francesca Benciolini, dell’assessore al Verde Chiara Gallani e dell’assessore al sociale Marta Nalin. Per il Comitato mura hanno partecipato Fabio Bordignon mentre per l'Associazione Progetto Portello Claudio Vergerio che ha ricordato anche l’impegno di Lidia Kobal per il “suo” Portello.

Il restauro ha completamente recuperato gli spazi interni ed esterni della porta una delle meglio conservate della città, che il prossimo anno festeggerà i 500 anni dalla costruzione. Nel corso del restauro è stato anche risistemata la grande sala superiore, fino a non molti anni fa occupata dalle apparecchiature dell'Enel che distribuivano l’elettricità nel quartiere ed è stata ricollocata la campana che da secoli scandiva la vita del Portello, scomparsa presumibilmente durante la seconda guerra mondiale.

L’assessore Andrea Micalizzi, ha ricordato che il restauro di Porta Portello, è un tassello del più ampio progetto di recupero complessivo delle Mura, che è stato avviato quest’anno con una serie di interventi che partono dal Bastione della Gatta per arrivare fino al Bastione Nuovo.

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA