12/06/2018 09:05

Via Anelli e ex Prandina
ok della maggioranza

Consiglio comunale per certi verso infuocato ieri sera a Palazzo Moroni. Coalizione Civica su Leroy Merlin si è spaccata e la discussione è andata avanti fino a tarda notte.

Facendo un passo indietro c’è da sottolineare che il Consiglio è partito osservando un minuto di silenzio in ricordo a Sergiu Todita, l’operaio 40enne di origine moldava morto in seguito alle ustioni riportate nell’incidente alle Acciaierie Venete il 13 maggio scorso. Dopo un momento di tristezza uno di felicità per l’arrivo di una nuova vita: applausi per l’assessore Micalizzi diventato papà nella mattinata di ieri.

Successivamente sono iniziati i lavori per i temi caldi che stanno facendo discutere la città: via Anelli, la Prandina, l’ex Caserma Piave e il Leroy Merlin in Corso Australia. Si è partiti dall’approvazione (19 voti a favore e 9 contro) del cambio di destinazione d’uso dell’area dell’ex complesso Serenissima di via Anelli che passa da servizi d’interesse generale/attrezzature sociali a servizi d’interesse generale/Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco e Guardia di Finanza. Così ora la nuova questura potrà diventare realtà e in cambio il Demanio cederà gratuitamente al comune tutta l’area dell’ex caserma Prandina che dovrebbe diventare un parcheggio pronto a servire il centro storico.

Subito dopo è stata approvata anche la mozione che cede all’Università l’ex Caserma Piave dove nascerà il polo delle Scienze Sociali. La vera bagarre è nata quando si è arrivati a parlare di Leroy Merlin: il dibattito è stato accesissimo e dare il via libera ad un investimento da 33 milioni di euro non è stat affatto semplice e scontato. Il progetto di riqualifica dell’ex Foro Boario di Corso Australia vede sorgere anche un nuovo ponte/cavalcavia sulla tangenziale e proprio questo disturba alcuni componenti di Coalizione Civica. Alla fine anche questa mozione è stata approvata.