12/06/2018 15:11

In stazione torna
il pianoforte per tutti

Le note di Chopin e Prokofiev, suonate dalla giovane pianista di fama internazionale Leonora Armellini, sono tornate a incantare i viaggiatori della stazione di Padova, questa mattina, in occasione della breve cerimonia di riposizionamento del pianoforte, messo a disposizione da Bettin Pianoforti, nell’atrio dell’edificio. Il ritorno del pianoforte è frutto di un impegno collettivo che è partito da una petizione al Consiglio Comunale del consigliere Ubaldo Lonardi, grande appassionato di musica, subito sottoscritta da tutti gli altri consiglieri e sostenuta dal sindaco Sergio Giordani.

Lo strumento era stato tolto, dopo ripetuti atti di gratuito vandalismo. Centostazioni (la società del Gruppo FS Italiane che gestisce la stazione) ha concesso lo spazio a pochi metri dal primo binario, mentre i responsabili del limitrofo supermercato Despar si sono offerti di prendere in carico le chiavi per chiudere lo strumento nelle ore serali. “Credo che la musica aiuti a far sentire una persona che arriva a Padova accolta e aiuti a dare una visione complessiva della stazione diversa, un luogo di passaggio ma anche un luogo di incontro - commenta il consigliere comunale Ubaldo Lonardi -. E’ certamente un bel biglietto da visita per chi arriva a Padova. Ringrazio tutti i consiglieri che velocemente hanno sottoscritto questa petizione, il Sindaco Sergio Giordani che altrettanto velocemente la ha resa praticabile, Bettin Pianoforti che ha subito accettato di riportare il piano qui in stazione, e Centostazioni per lo spazio messo a disposizione”.

“Questo pianoforte è un simbolo all’interno di questa stazione, che è un luogo di passaggio, di viaggio, di frenetico lavoro - sottolinea l’assessore alle attività produttive Antonio Bressa in rappresentanza del Sindaco - sentire le note del pianoforte ci dà quel tratto di umanità che ogni tanto perdiamo, presi dalla frenesia dei nostri tanti impegni”.

“Siamo felici di aver riportato la musica all’interno dei nostri ambienti, come già accade in buona parte delle nostre stazioni - puntualizza Giuseppe Brusamolin responsabile per Centostazioni, della stazione di Padova – una opportunità apprezzata da tante persone che amano la musica sia ascoltandola che suonandola. Sono certo l’esperienza sarà un successo e ringrazio il Comune e Bettin Pianoforti a nome di Centostazioni e del Gruppo FS Italiane per questo strumento meraviglioso che abbiamo riposizionato oggi”.

“Sono orgoglioso di essere qui con questo strumento davanti a un pubblico così diverso ma curioso e che proviene da ogni parte del mondo - dichiara Alberto Bettin -. Sono orgoglioso di dare questo mio piccolo contributo a Padova e a tutti gli ospiti della città”.

La giovane pianista padovana Leonora Armellini che ha eseguito alcuni brani di Chopin e Prokofiev ha commentato: “Sono felice che la musica possa essere sentita in un luogo come questo e che molte persone abbiano la possibilità di ascoltare un pianoforte dove magari non se lo aspettano. Sono felice di aver battezzato questo splendido strumento”.

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA