09/07/2018 12:53

Maltempo: grossi danni
per l’agricoltura

Grandine e vento forte hanno colpito, nella serata di domenica, parte del Piovese e del Conselvano provocando danni circoscritti ad alcune colture agricole. Dalle prime segnalazioni raccolte, conferma Coldiretti Padova, il nubifragio, con forti raffiche di vento e intense grandinate, ha interessato i comuni di Sant’Angelo di Piove, in particolare Vigorovea, Brugine, Bovolenta, Terrassa e Candiana. Tra le colture più colpite c’è il mais, che in questa stagione conosce il massimo sviluppo vegetativo prima della maturazione definitiva. Nella fascia, ampia circa un paio di chilometri e sempre più stretta verso sud, la grandine ha danneggiato alcune decine di ettari di mais e di soia. Colpito anche qualche vigneto e alcune coltivazioni di ortaggi.

Candiana è stata interessata da una grandinata anche sabato sera, con qualche vigneto danneggiato, mentre il vento forte ha causato qualche problema ad alcune strutture agricole, come segnalato dalle aziende al Condifesa Padova, il consorzio che si occupa delle assicurazioni in agricola. E’ questa infatti la principale forma di protezione contro le avversità atmosferiche ed eventi come grandine, vento forte, allagamenti, siccità, colpi di calore, gelate precoci o tardive.

Di fronte a questi eventi, imprevedibili ma tutt’altro che rari, Coldiretti Padova ribadisce come gli effetti dei cambiamenti climatici si fanno sentire in agricoltura e condizionino intere annate. “Come ripetiamo da tempo - afferma il direttore di Coldiretti Padova Giovanni Roncalli - bisogna lavorare alla gestione del rischio attraverso interventi diretti e indiretti. L’agricoltore ha la possibilità di tutelare il proprio reddito attraverso la stipula di assicurazioni che ormai coprono ogni genere di rischio e coltivazione, offrendo un valido “ombrello” contro l’imprevedibilità e la violenza degli eventi atmosferici. Non ci stancheremo mai di ripetere che gli investimenti, pubblici e non, per la prevenzione e la gestione del rischio non sono soldi buttati ma consentono di risparmiare somme ben più ingenti in caso di danni estesi”.