10/07/2018 07:59

Nomadi a Chiesanuova
controlli dei vigili

Il Reparto Polizia di Prossimità e Sicurezza Urbana ha effettuato dal 18 giugno circa 20 interventi, in diversi orari del giorno, nelle vie Chiesanuova/ Lungargine Fabre, via Pelosa/Chiesanuova, Parco Raciti, Via Cesalpino ed altre vie limitrofe, luoghi dove sostano i camper dei nomadi che gravitano in zona.

I veicoli in questione sono stati controllati, sia per quanto riguarda la conformità dei dispositivi per la circolazione, sia per il possesso dei documenti obbligatori (libretto, revisione, assicurazione ecc.). In una circostanza il controllo ha avuto esito positivo ed è stata accertata e contestata la violazione amministrativa per il mancato cambio di proprietà. Durante questi sopralluoghi non è stato riscontrato da parte dei nomadi né l'occupazione del suolo pubblico con tavolini o altre attrezzature da campeggio, né l’abbandono di rifiuti nelle aree limitrofe. In una circostanza sono stati invitati ad allontanarsi perché stavano mettendo in atto un'attività di campeggio e in un’altra occasione, al Parco Raciti, è stata elevata una sanzione amministrativa in quanto alcuni soggetti sono stati sorpresi ad utilizzare una fontana pubblica per lavare i vestiti. Alcuni giorni fa personale del Reparto Pronto Intervento è intervenuto in via Lungargine Fabre, all’intersezione con via Chiesanuova, per controllare un furgone adibito a camper in uso ai nomadi, trovandolo privo di assicurazione. Il veicolo è stato sequestrato e il proprietario sanzionato.

Una decina di controlli sono stati effettuati anche in tarda serata: sono stati trovati dai 2 ai 5 camper e gli occupanti sono stati allontanati e invitati a non sporcare il suolo pubblico. L'attività prosegue con il monitoraggio constante dell'area in questione in orario diurno e con interventi mirati anche in orario serale e nei giorni festivi.

Il sindaco Sergio Giordani sottolinea che l’azione in corso da parte della Polizia Locale e dell’Amministrazione ha l’obiettivo di risolvere in maniera definitiva la situazione: “Da alcune settimane è noto questo fenomeno che provoca alcuni disagi ai cittadini in via Chiesanuova. Ho subito chiesto alla Polizia Locale di attivare un attività specifica che si è sviluppata in vari interventi e in tutto il quartiere. Di questi almeno due presso la sagra parocchiale. Non sono abituato a usare queste criticità per indicare e strumentalizzare il problema a mezzo stampa, preferisco lavorare a delle soluzioni. Ricordo comunque che questi fatti sono strettamente legati alla politica della passata amministrazione che ha concesso case comunali senza canone e in emergenza abitativa per nuclei rom, in questo caso parliamo di una casa nelle adiacenze del quartiere di Chiesanuova. Una politica non sufficentemente accompagnata da interventi più complessivi, forse per la fretta di mostrare alla città solo la chiusura del Campo di via Bassette e non le sue naturali conseguenze. Io sono per la legalità sempre, la chiedo e la pretendo specie a chi ha beneficiato di un immobile pubblico nel 2016 e oggi non può comportarsi con arroganza nei quartieri. Ho presieduto un tavolo con il Comandate della Polizia Locale e, oltre all’attività di repressione che continuerà, è allo studio, con l’assessore Micalizzi e l’assessore Gallani, ogni provvedimento utile per rendere fruibili a tutti e in maniera civile gli spazi pubblici”.