20/07/2018 14:30

Solitudine killer
4mila anziani a rischio

Se il caldo non aiuta, le conseguenze della tropicalizzazione del clima possono essere letali. Padova è la seconda città più calda d’Italia. Chi vive a casa da solo, coi parenti lontani, dimenticato dai vicini, difficilmente trova le forze per uscire e stringere relazioni. "Sono 4mila gli anziani ultra 85enni a rischio", spiega Alessandra Coin, presidente della Comunità di S.Egidio.

Da anni ci provano i volontari della comunità di Sant’Egidio che in quasi ogni quartiere d’estate organizzano delle serate d’amicizia, una fetta di anguria a testa, una pallina di gelato ciascuno.

Sono loro, che fanno il giro delle case per far visita a chi è anziano e malato, hanno il polso della situazione. "15mila over 65enni rischiano l'isolamento", aggiunge Coin.

Se oggi il quadro è preoccupante, il futuro lo è di più. Nei prossimi 20 anni a Padova ci saranno 10 ultra novantenni in più ogni mese. E questo significa assistenza, sanità, servizi.

All’Arcella c’è un appartamento con affitto calmierato dove tre anziane sono andate a convivere, più o meno come tre studentesse, solo che hanno i capelli bianchi. Una seconda casa di co-housing S.Egidio l’aprirà a Torre.

Ma ci sono centinaia di anziani in difficoltà.

Il numero per segnalare un anziano in stato di bisogno è 340 1427440.

Ogni settimana nei quartieri, da Torre al Portello, in piazza si può partecipare alle serate dell’amicizia. Benvenute famiglie, bambini, stranieri, senza fissa dimora. Mercoledì scorso alla Guizza c’erano 150 persone.

In agenda il 15 agosto, alle 20.30, in via Ognissanti, con la maxi cocomerata di Ferragosto per rinfrescate quest’estate torrida con lo spirito di solidarietà.