08/08/2018 16:44

Stop fondi periferie,
Zan attacca Governo

Il deputato PD Alessandro Zan afferma: “Dopo il disastro del decreto disoccupazione arriva l’ennesima mazzata per i cittadini italiani: ieri in Senato è stato approvato un emendamento al Decreto Milleproroghe a firma leghista che di fatto cancella i fondi dedicati ai comuni dal Bando Periferie dei governi Renzi-Gentiloni. Soldi dedicati alla riqualificazione delle periferie e di aree degradate delle città da restituire ai cittadini. Per Padova si tratta di un vero e proprio furto di 18 milioni di euro, che dovevano essere utilizzati per vari lavori che la città aspetta da decenni, come la creazione di un grande parco nell’ex piazzale Boschetti, il completamento della ristrutturazione del Castello Carrarese o la riqualificazione del Parco delle Mura del ‘500. Questo è il chiaro esempio di come questo governo toglierà fondi proprio a quei cittadini che vivono in aeree urbane difficili e degradate per tentare di realizzare qualche briciola del loro incosciente programma elettorale: sarà da così a peggio. Mi chiedo come Bitonci, da sottosegretario all’economia, abbia potuto permettere tutto ciò: non doveva andare a Roma a fare il bene dei Padovani? Quindi o è totale incompetenza o malafede nei confronti della città che lo ha sfiduciato, ma in entrambi i casi si dimostra inadeguato al ruolo. A settembre, quando il provvedimento arriverà alla Camera, lotteremo con ogni mezzo per sventare questa rapina ai danni dei cittadini”

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA