21/08/2019 07:38

Ucciso nelle Filippine:
la moglie è sotto scorta

Andrea Guarniero è stato freddato con due colpi di pistola il 28 marzo scorso nelle Filippine dove viveva con la moglie.

Sono ormai passati cinque mesi e la polizia non è ancora riuscita a far luce su quanto successo. Le indagini continuano ininterrottamente nell'Isola di Negros e al momento è solo dato sapere che i killer hanno agito in coppia tendendo una trappola all'imprenditore padovano che in quel momento era in casa sua.

Proprio perchè gli assassini sono ancora in libertà, e per la loro pericolosità, la forze dell'ordine hanno deciso di mettere sotto scorta la moglie.

Andrea Guarniero aveva guidato l'azienda di famiglia, la Multichimica di Mestrino, fino a qualche anno fa. Il lavoro poi lo aveva portato nelle Filippine dove aveva conosciuto la moglie. I due sono tornati in Italia per qualche anno, e a Padova è nato il loro bambino che oggi ha 9 anni. Poi Andrea ha lasciato la Multichimica e ha deciso di tornare nelle Filippine dove, insieme a un socio padovano, aveva avviato il progetto di un resort. La vittima era molto attiva anche sul fronte del sociale: a casa sua riceveva medici e dentisti con cui ha avviato anche progetti umanitari per la salute dei bambini del posto.

Oltre alla ricerca dei killer la polizia delle Filippine sta cercando il movente. La moglie ha raccontatao che negli ultimi tempi viveno con il terrore e che la notte facevano fatica ad addormentarsi per paura che qualcuno entrasse in casa. Al momento l'unica pista valida sembra quella di un omicidio per motivi di affari.