13/02/2020 12:16

Caporalato, Pan:
"Antenne restino alte"

“Ringrazio i carabinieri di Padova, Venezia e Rovigo e gli organi inquirenti per il paziente e lungo lavoro che ha messo alle strette l’associazione per delinquere che arruolava e metteva in schiavitù nei campi connazionali nordafricani irregolari. Il caporalato è una piaga presente purtroppo anche nelle nostre campagne, ad opera di dubbie realtà imprenditoriali o cooperative”.

All’indomani dell’operazione dei carabinieri che ha fatto emergere una vicenda di caporalato nella Bassa Padovana, l’assessore regionale all’agricoltura rivolge il ringraziamento dell’istituzione regionale agli organi inquirenti e alle forze dell’ordine per il lavoro svolto e lancia un appello a tutto il mondo agricolo e agli organi ispettivi per intensificare la vigilanza. “Nel maggio dello scorso anno la Regione Veneto si è fatta promotrice di un patto operativo tra i propri referati al Lavoro, alla Sanità e alle Politiche Agricole con l’Ispettorato interregionale del lavoro, Inps, Inail, Anpal, sindacati, associazioni datoriali e rappresentanze delle cooperative del mondo agricolo, per condividere le banche dati e a fare squadra per prevenire e contrastare fenomeni di sfruttamento lavorativo e pratiche illegali nei lavori agricoli. Un patto voluto per alzare le antenne nel nostro territorio e impedire che la piaga dello sfruttamento inquini la sana competizione e la qualità di un settore che conta 65 mila aziende, circa 174 mila occupati, e che vale quasi 6 miliardi di Pil”.

“L’operazione condotta dai carabinieri delle tre province dimostra che le antenne ci sono e che la soglia di attenzione resta alta, nonostante questi fenomeni criminali siano abili nel raggirare le leggi – prosegue l’assessore –. Invito pertanto gli organi ispettivi a non abbassare la guardia e ad utilizzare al meglio gli organici e gli strumenti che la legge contro il caporalato mette a disposizione. Faccio inoltre appello al senso di responsabilità del mondo agricolo – conclude il titolare delle politiche regionali per il settore primario - per allertare tutta la filiera, dal campo allo scaffale del supermercato al consumatore finale, perché siano garantite sempre trasparenza e sicurezza non solo sulla qualità alimentare del prodotto, ma anche sul suo valore ‘etico’, cioè sul rispetto della legalità e del lavoro impiegato per produrlo”.



Leggi anche: