01/10/2020 16:08

Fratelli d'Italia e lo
spaccio a Padova

Un’interrogazione al Ministero dell’Interno per avere lumi sulla situazione dello spaccio a Padova che non ha purtroppo conosciuto lockdown durante il periodo più acuto dell’emergenza sanitaria. L’ha richiesta la dirigenza padovana di Fratelli d’Italia, rappresentata da Filippo Ascierto, Raffaele Zanon e Gabriele Zanon, tramite il senatore Adolfo Urso. Nel testo si può leggere che in città lo spaccio è in mano in primis ad albanesi e nigeriani e genererebbe un guadagno illecito di 60 milioni di euro che non si sa come vengono poi riciclati. "Le forze dell’ordine intervengono e di recente sono state diverse le operazioni di contrasto portate a buon fine - ha commentato Filippo Ascierto, responsabile in Fratelli d'Italia dei rapporti con le forze dell'ordine - ma ci vuole un coordinamento più forte con le istituzioni cittadine e in particolare con il sindaco Sergio Giordani che non può e non deve minimizzare il problema".



Guarda anche: