21/11/2020 10:30

Parco del Sole, i
positivi salgono a 60

Il focolaio scoppiato all'interno della residenza Parco del Sole di Padova è cresciuto.

Ad oggi sono 60 i soggetti positivi tra ospiti e operatori. I gestori della Rsa spiegano che la situaizone è sotto controllo e che gli operatori positivi si sono fermati a 14. Alcuni anziani positivi sono stati ricoverati all'ospedale a causa di complicazioni.

Nella giornata di ieri c'è stato il sopralluogo dell'Ufficio igiene e dell'Unità speciale assistenziale (Usca) dell'Usl che ha verificato se la struttura fosse in regole con tutte le normative e così è stato. Da quando si sono manifestati i primi casi all'interno della struttura è stato realizzato un percorso destinato ai pazienti covid con il fine dei contenere il contagio.

IL VIRUS ENTRA DA FUORI

Sono 92 i lavoratori positivi nelle 43 case di riposo padovane e 174 gli ospiti. Al 'mattino di Padova' Roberto Volpe, presidente di Uriba Veneto, l’unione regionale degli istituti per anziani, ha detto: "Dovremmo fare un tampone al giorno a ogni dipendente, questa strada è impraticabile. Sappiamo benissimo che, senza visite e con ingressi di ospiti controllati, il virus può entrare in una casa di riposo solo attraverso i lavoratori. Ma sappiamo anche che queste persone hanno giustamente una vita fuori dalle strutture e, al di là di ogni buona condotta, l’incontro col coronavirus non può essere scongiurato del tutto".

A differenza della prima ondata oggi non c'è il lockdown e così gli icontri tra le persone sono più frequenti, i ragazzi vanno a scuola e non tutti lavorano in regime di smart working. Il virus circola più facilmente in questo modo e nonostante le precauzioni molti dei contagi avvengono in famiglia.